RICETTA 02 - SECONDO PIATTO

Carpaccio alla Cipriani

Preparazione

Iniziate preparando la maionese (vai alla ricetta cliccando qui): disponete i tuorli in una ciotola dai bordi alti, aggiungete il sale, il pepe e il succo di limone e cominciate a sbattere con uno sbattitore elettrico, aggiungendo l’olio a filo, fino a quando la maionese comincerà ad addensarsi raggiungendo la giusta consistenza.

In una ciotola unite la salsa worcester (1), il latte (2), il sale, il limone e il pepe (3); sbattete gli ingredienti con l'aiuto di una forchetta (4), quindi aggiungete la maionese (5) e amalgamatela sino ad ottenere una salsa fluida, che velerà il dorso di un cucchiaio (6). Dividete le fettine di controfiletto disponendole in 4 piatti e adagiandole ben distese oppure leggermente mosse (7)(a seconda dei vostri gusti). Intingete un cucchiaio nella salsa ottenuta (8) e nappate la carne, formando dei ghirigori con la salsa che cadrà a filo dal cucchiaio (9).

Il vocabolo carpaccio, sta ad indicare una pietanza formata da carne cruda tagliata in modo molto sottile.
Il carpaccio fu ideato da Giuseppe Cipriani, ristoratore e fondatore del famoso Harry's Bar a Venezia. Egli, proprio a Venezia nel 1950, in occasione di una mostra pittorica sull’artista veneziano Vittore Carpaccio realizzò per la prima volta questo piatto, dedicandolo  al pittore stesso.

Si trattava di fettine sottili di controfiletto di manzo nappate con una salsa chiara a base di maionese; i colori della pietanza ricordavano le tonalità dei rossi e dei bianchi che caratterizzavano le opere del pittore.

Pare che Cipriani inventò il carpaccio per venire in contro alle esigenze della contessa Amalia Nani Mocenigo che purtroppo era costretta a seguire una dieta che le impediva l’assunzione di carne cotta.


RICETTA 01 - PRIMO PIATTO

Risotto con mele e funghi

Dosi: per 4 persone - Tempo: 40 minuti

Anche i primi possono essere leggeri: con questa ricetta potete preparare un piatto di riso davvero saporito senza appesantirvi troppo.

Preparazione:
Prima di tutto mettete i funghi a bagno per una mezz'oretta in una ciotola d’acqua tiepida, per farli rinvenire, cambiando l'acqua almeno 1 volta. Tagliate la cipolla a fette sottili e fatela rosolare in una casseruola con 20 g di burro; una volta dorata, aggiungete il riso e fatelo tostare per appena 5 minuti. Versate il vino bianco e fatelo assorbire dal riso, dopodiché aggiungete una mestolata di brodo bollente ogni volta che il riso si asciuga. A metà cottura, dopo circa 20 minuti, aggiungete al riso i funghi (che avrete sciacquato e scolato bene), amalgamandoli in modo omogeneo. Continuate ad aggiungere il brodo ogni volta che è necessario. Nel frattempo lavate la mela, privatela del torsolo e tagliatela a cubetti, quindi tenetela da parte. Quando il riso è quasi cotto del tutto, aggiungete la mela, completate la cottura e spegnete il fuoco. Mantecate il riso con il burro, completate con il prezzemolo tritato e servite in tavola.

Accorgimenti:
Cuocete il riso su un fornello a fiamma moderata, così da non farlo sfaldare: in questo modo i chicchi rimarranno sodi.
Idee e varianti:
Per rendere ancora più gustosa questa ricetta, aggiungete un mix di noci tritate e di pinoli tostati.